“Maestra”, eros e thriller nel nuovo romanzo di Lisa Hilton

by on

Maestra di Lisa Hilton è un libro edito Longanesi che è uscito per la prima volta nel 2016. Si tratta di un romanzo di 398 pagine che guarda prevalentemente a un pubblico adulto, in quanto la storia raccontata al suo interno riprende toni chiaramente erotici. Si tratta insomma di quel filone di letteratura apertamente sexy che mira a riprendere il percorso tracciato in questi anni da “Cinquanta sfumature”, ma che non disdegna affatto elementi thriller e lati più introspettivi. Insomma, “Maestra” è un libro a cui è stato dato un taglio molto particolare, per cui non aspettatevi di trovare quella pornografia spudorata che è tipica, per esempio, dei telefoni hard e di tutto quel sottobosco dove l’eros (divenuto hard) viene banalmente commercializzato.

Trama

La storia è ambientata a Londra. Qui Judith Rashleigh conduce la vita di una impeccabile assistente presso una prestigiosa casa d’aste. Di sera però Judith conduce una vita decisamente diversa: per arrotondare lo stipendio di assistente, di sera lavora in un club per uomini, dove esibisce fiera la sua bellezza, dove si presta al gioco di uomini farfalloni e dove riesce ad impersonare un ruolo che è agli antipodi rispetto a quello che veste di giorno.

E poi c’è il sesso, che Judith vive come un momento di autentico abbandono. Perché per lei il sesso è libertà, è spregiudicatezza e trasgressione. E’ tutto quel sistema di valori che lei, da ragazza colta, intelligente e ambiziosa, è sempre stata educata a tenersi alla larga.

Ebbene, questa doppia vita ha permesso a Judith di conoscere molto bene il mondo maschile, di riuscire a capire le dinamiche che regolano la vita dei potenti, di carpire l’importanza e le potenzialità dei ruoli.

Tutte queste sue certezze però crollano quando viene ingiustamente licenziata. A quel punto Judith vede la sua vita frantumarsi, perché capisce che tutta quella determinazione che aveva sempre avuto e quelle certezze che si era creata, a un certo punto non servono quasi più. Che fare allora per rimettersi in cammino? Judith decide di chiedere aiuto ad un’amica di vecchia data, ad un’amica che l’ha sempre aiutata e spronata nei momenti di maggiore difficoltà. Perché per sua fortuna Judith può contare su un’amica che c’è sempre stata.

Quell’amica però non è una persona, ma un sentimento, anzi, un feroce (ri)sentimento: la rabbia. Ed è proprio spinta da quella rabbia che Judith si dà da fare per ottenere vendetta, e lo farà nel modo che le riesce meglio: usando furbizia, sesso, e quando serve, anche l’omicidio.

Recensione

Nei paesi anglosassoni, “Maestra” è stato un incredibile successo editoriale sin dalla sua pubblicazione. Perché certamente Lisa Hilton ha messo in questa opera la sua capacità di scrittura, ma nel suo libro è riuscita anche a infilarci un altro elemento indispensabile tanto quanto spesso sottovalutato: una buona protagonista. E la Judith di Lisa Hilton, con la sua fragilità psicologica, la sua determinazione caratteriale e la sua disinibizione nei confronti di ciò che le ruota attorno, è senza ombra di dubbio un personaggio di valore attorno al quale ergere un romanzo.

Inoltre, la presenza di elementi tipici dello sfondo londinese, come appunto la raffinatezza delle case d’aste, rende il tutto ancor più sofisticato e interessante. L’habitat degli uomini miliardari, gli yatch e le ville pazzesche, nonché l’erotismo descritto nel minimo dettaglio. E la suspance, che si protrae per tutta la durata del racconto, sono ingredienti che aggiungono valore.

Written by:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi