La scrittrice Miriam Dubini è venuta a mancare. Apprezzatissima autrice di libri per bambini e ragazzi, è morta a soli 41 anni a seguito di un incidente stradale. L’incidente, avvenuto a metà luglio, non l’ha fatta morire sul colpo, me le ha comunque provocato tutta una serie di complicanze a cui non è riuscita a far fronte: dopo un lungo mese di agonia e di disperati tentativi di farcela, la 41enne non ha retto allo sforzo e si è lasciata andare.

L’anoressia è un disagio che induce la persona che ne è affetta a rifiutare ogni tipo di cibo. Di solito si descrive questa patologia in modo molto sommario, ma la realtà dei fatti è che l’anoressia può essere scatenata da diverse cause e può manifestarsi sotto diverse forme, per cui a voler essere precisi esistono non poche ma tante forme di anoressia. Alcune forme sono più innocue, altre più gravi, ma in tutti i casi l’anoressia è un qualcosa che non va mai e poi mai sottovalutato.

“Per il settore dell’editoria, l’economia digitale, in questo momento, rappresenta unicamente un portatore di recessione”. Queste le dure parole pronunciate da Marina Macelloni, presidente Inpgi, nel corso del Festival del lavoro 2018 di Milano, organizzato dal Consiglio nazionale e dalla Fondazione studi consulenti del lavoro. E alla sua considerazione ha aggiunto: “Il processo di trasformazione è soltanto in uno stadio iniziale: ha bisogno di tempi lunghi per poter essere rielaborato”.

La divinazione affascina da sempre l’essere umano, che sin dall’antichità sentiva il bisogno impellente di dare una risposta a tutto ciò che gli ruotava attorno: ieri come oggi c’era il bisogno di dare un senso a tante cose, ma anche di provare a capire la piega che avrebbero potuto prendere gli eventi, così da reagire al futuro con un minimo di preparazione o, ancora meglio, con la tenacia di provare a cambiare il corso delle cose prima che questo potesse verificarsi. E l’astrologia, ma anche i pendoli e i tarocchi, hanno provato a dare una risposta in questo senso.

L’Osservatorio degli editori indipendenti (Odei) è ufficialmente confluito in Adei, una nuova associazione che raduna tutti gli editori indipendenti. In Adei sono confluiti 320 editori che rappresentano circa il 40% del mercato nazionale, e tra i quali spiccano marchi che si stanno facendo conoscere sempre più, come Sellerio, E/O, e così via.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi